Pregi e difetti dei nuovi sistemi di misurazione della glicemia

Tra i punti di forza la possibilità di analisi in continuo e la non necessità di prelievo del sangue capillare

Sono entrati in commercio da meno di due anni e può valere la pena fare chiarezza sui nuovi sistemi di monitoraggio della glicemia, dal momento che recentemente alcune regioni li hanno dati in distribuzione alle farmacie.  

A livello ambulatoriale la glicemia viene misurata sul sangue venoso mentre a livello domiciliare l’esame viene normalmente effettuato sul sangue capillare; questi nuovi sistemi sono in grado di monitorare la glicemia nel liquido interstiziale, attraverso un sensore che può essere utilizzato per un massimo di 14 giorni; i livelli di glucosio sono rilevati a intervalli di 1 minuto e sono memorizzati i dati delle ultime 8 ore. Avvicinando il glucometro al sensore, tutti i dati sono trasferiti al glucometro e resi visibili.

I pregi fondamentali sono quindi la possibilità di analisi in continuo e la non necessità di prelievo del sangue capillare.

Gli studi clinici hanno dimostrato che l’utilizzo del flash monitoring è in grado di ridurre, nella persona con diabete di tipo 1, del 38% il tempo passato in ipoglicemia (da 3,38 ore al giorno al basale a 2,03), con un miglioramento marcato del numero, della durata e dell’ampiezza delle crisi ipoglicemiche. Lo stesso effetto è stato registrato per le crisi iperglicemiche.

I nuovi device al momento sono consigliati ai bambini di età compresa tra i 4 e i 17 anni e agli adulti in terapia con microinfusore o che effettuano abitualmente cinque o più rilevazioni al giorno.

Valutando il sistema la glicemia interstiziale, la misurazione manifesta “in ritardo” le variazioni percepibili a livello ematico, per cui non sono strumenti indicati nelle seguenti condizioni:

  • livelli di glucosio in rapido cambiamento;
  • necessità di confermare il sospetto di ipoglicemia;
  • sintomi non corrispondenti ai livelli glicemici registrati dal sistema.

Bibliografia: 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5467105/

http://www.federfarma.it/Edicola/Filodiretto/VediNotizia.aspx?id=15298&titolo=Veneto,-dal-primo-agosto-dispositivi-Fgm-distribuiti-in-farm

30 ottobre 2017


Approfondimento Counseling al paziente Terapia

Senior Editor


Articoli correlati

Contenuto Web